Energy Managenent: come ridurre i consumi di illuminazione degli edifici

Erica Galluzzo
Date26 Settembre 2022

L’illuminazione interna è una delle parti più dispendiose dal punto di vista energetico del funzionamento degli edifici. Visibile e direttamente collegata al benessere degli utenti, rappresenta un grande potenziale di risparmio energetico. In effetti, il controllo dell’illuminazione è uno dei modi più semplici per ottenere risparmi energetici sostanziali con un investimento relativamente contenuto ed è una delle misure di conservazione energetica più comuni.

Iniziamo spiegando cosa si intende per misure di conservazione dell’energia.

Cosa sono (davvero) le misure di conservazione dell’energia?

La conservazione dell’energia si riferisce alla riduzione del consumo energetico attraverso l’utilizzo di apparecchiature e dispositivi più efficienti e un uso ragionevole. Questo può essere fatto aggiornando, adattando, riparando o sostituendo le apparecchiature per renderle più efficienti dal punto di vista energetico.

Leggi anche Retrofit: 5 motivi per cui non dovreste trascurarlo

Queste misure possono ridurre in modo significativo i costi di gestione e fornire vantaggi operativi, consentendo alle imprese di sostituire le apparecchiature vecchie e obsolete. La conservazione dell’energia è una componente importante della redditività e dello sviluppo a lungo termine. Inoltre, si tratta di una questione critica, poiché l’uso di risorse non rinnovabili ha un profondo impatto sull’ambiente.

Dieci modo per migliorare l’efficienza energetica del vostro sistema di illuminazione

Vediamo alcune azioni chiave che potete intraprendere per ottimizzare l’uso e il costo dei sistemi di illuminazione negli edifici:

1. Sostituire le vecchie apparecchiature con altre nuove e più efficienti: la sostituzione delle apparecchiature di illuminazione più energivore con altre più efficienti è essenziale per ottimizzare le installazioni e i costi energetici. Ad esempio, l’utilizzo di sistemi di illuminazione a LED a risparmio energetico riduce efficacemente il consumo energetico di un edificio. Hanno prestazioni elevate e riducono il consumo energetico. Grazie ai numerosi vantaggi dell’illuminazione a LED, il loro utilizzo è aumentato nell’illuminazione stradale, nell’illuminazione medica e nell’illuminazione residenziale; sono inoltre a bassa manutenzione, di lunga durata e rispettosi dell’ambiente.

2. Installare dei timer: diverse soluzioni possono aiutare a evitare il consumo inutile di energia nella vita quotidiana. I timer possono ridurre i consumi dal 2 al 45%. Un metodo molto efficiente consiste nell’installare timer distribuiti o centralizzati (ad esempio tramite un sistema di gestione dell’energia) in luoghi utilizzati in modo intermittente: bagni, sale riunioni, parcheggi, ecc.

3. Installare dei sensori di movimento: i sensori di presenza rilevano la presenza o l’assenza di persone e accendono e spengono le luci di conseguenza. L’installazione di rilevatori di presenza e movimento in aree ad alta circolazione: corridoi, scale, ecc. è una soluzione molto vantaggiosa. Sono utilizzati in modo più efficace negli spazi spesso non occupati, come magazzini, depositi o servizi igienici. I sensori di presenza sono meno efficienti negli uffici, dove una o più persone possono entrare e uscire nel corso della giornata lavorativa.

4. Installare dei sistemi di variazione: installare potenziometri, dimmer e pulsanti per spegnere, accendere e cambiare l’illuminazione. Nei locali in cui l’occupazione giornaliera è elevata, installare un regolatore collegato a una cellula fotoelettrica (che richiede la sostituzione dei precedenti reattori). Questo regolatore automatico dell’intensità luminosa modula il flusso luminoso dei tubi fluorescenti. Il risparmio energetico previsto è del 20% con il passaggio da reattori ferromagnetici a reattori elettronici. Il risparmio può raggiungere il 40% con la regolazione dell’intensità luminosa.

Sebbene queste azioni siano abbastanza efficienti, richiedono investimenti e sforzi notevoli per essere implementate. Esistono anche soluzioni più semplici.

5.  Programmare l’attività del sistema di illuminazione: negli uffici, nei negozi o nei magazzini di grandi dimensioni, è possibile installare un sistema di controllo centralizzato come un BMS per definire le fasce orarie in cui l’illuminazione viene accesa o spenta. Inoltre, modula il livello di illuminazione in base al comportamento delle persone che utilizzano lo spazio. Nei supermercati, è conveniente accendere 1/3 dell’illuminazione quando i dipendenti arrivano al mattino, per poi accendere i restanti 2/3 quando il negozio è aperto ai clienti.

6. Ridurre il livello di illuminazione: negli edifici pubblici, rispettando le norme e il comfort degli occupanti, si può ottenere un rapido risparmio energetico. Si può fare innanzitutto un buon uso della luce naturale (spegnere le luci e tenere pulite e sgombre le finestre e i lucernari), ma anche ridurre il numero di luci nelle aree sovrailluminate.

7. Riadattare le esigenze di illuminazione: per evitare sprechi, a volte può essere necessario ridimensionare il parco luci degli interni. L’obiettivo è assicurarsi che tutte le sorgenti siano adatte alle giuste esigenze, né più né meno. Di conseguenza, è possibile ridurre la potenza di alcune apparecchiature e il numero di lampade.

8. Ottimizzare l’architettura interna: a differenza delle pareti scure, che possono ridurre l’illuminazione del 20%, le pareti chiare danno una sensazione di apertura e luminosità. Riverniciare o sostituire la superficie delle pareti e dei soffitti, in modo da renderli più luminosi, può quindi rivelarsi efficace per aumentare la luminosità senza aumentare il consumo energetico.

9. Impegnarsi in una manutenzione regolare: una buona manutenzione delle apparecchiature consente di prolungarne la durata, mentre le lampade usate, con un basso flusso luminoso, consumano inutilmente. Sostituendo le lampade al momento giusto e pulendo i riflettori almeno una volta all’anno si evitano perdite di luce e di energia.

10. Infine, sensibilizzare e informare: per quanto riguarda l’illuminazione pubblica, è necessario sensibilizzare  gli abitanti delle autorità locali e regionali. Diverse iniziative mediatiche e di comunicazione possono essere utili per informare le persone sulle sfide dello sviluppo sostenibile e delle normative e per trasmettere le migliori pratiche: pubblicazioni interne regolari e sessioni informative per gli agenti municipali, mostre, dibattiti, conferenze, affissioni e così via per gli utenti. Rivolgersi ai bambini e ai giovani nelle scuole è un mezzo efficace di sensibilizzazione.

Deepki è fortemente a favore di un approccio basato sui dati. La nostra piattaforma SaaS collaborativa raccoglie i dati di consumo dei vostri asset e rileva le anomalie negli edifici. Questi dati, una volta elaborati, consentono di prendere decisioni informate sull’uso dell’illuminazione nell’edificio.

Se desiderate adottare ulteriori misure di risparmio e vi state concentrando su un aggiornamento importante o su un nuovo edificio, potreste prendere in considerazione la possibilità di ottenere un’etichetta o una certificazione. Di recente abbiamo fatto un confronto tra regolamenti, certificazioni, etichette e punteggi ESG in Europa che potete consultare qui.

https://content.deepki.com/it/deepki_white_paper_esg_strategy?utm_medium=website&utm_source=whitepaper_page&utm_campaign=06_2022_IT_WHITE_PAPER_ESG