I prossimi temi della Tassonomia UE: biodiversità, rifiuti, acqua e inquinamento

Clementine Tanguy
Date12 Settembre 2022

L’Europa non raggiungerà gli obiettivi climatici e i target 2030/2050 se gli investimenti finanziari non saranno indirizzati verso progetti e attività sostenibili.

Il Regolamento sulla tassonomia dell’UE dovrebbe costruire un linguaggio comune per sostenere la transizione energetica e contribuire a riorientare i flussi di capitale verso le energie rinnovabili e gli asset green. I primi due obiettivi – mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ai cambiamenti climatici – rappresentano le priorità attuali e come tali sono al centro dell’attenzione della Commissione, degli Stati membri, delle autorità locali, delle imprese e così via.

In questo articolo poniamo l’accento sugli altri quattro obiettivi, spiegando perché sono altrettanto importanti come quelli legati al clima: uso sostenibile dell’acqua e delle fonti marine, transizione verso un’economia circolare, prevenzione e controllo dell’inquinamento, protezione e ripristino della biodiversità e degli ecosistemi.

Il regolamento UE sulla tassonomia in breve

Con oltre 1.000 pagine (e altre in arrivo), la Tassonomia dell’UE può essere scoraggiante, anche per chi inizia. Si tratta principalmente di un sistema di classificazione delle attività economiche le cui definizioni e regole determinano quali attività economiche possono essere identificate come sostenibili dal punto di vista ambientale. Il 2022 segna il primo anno in cui la maggior parte delle istituzioni finanziarie e delle società non finanziarie europee dovranno dimostrare la sostenibilità ambientale delle loro attività economiche. Si tratta di un passo significativo.

Il regolamento è stato creato per affrontare il problema del greenwashing, in cui le organizzazioni esagerano sulla rendicontazione delle proprie performance ambientali. Il regolamento ha l’obiettivo di permettere di identificare e investire in attività trasparenti e sostenibili con maggiore fiducia e chiarezza.

La timeline pressante e il fatto che si tratti di un quadro di riferimento complesso ed esteso, significa che è fondamentale iniziare ad allinearsi alla Tassonomia UE il prima possibile. I motivi per cui allinearsi, le implicazioni generali e la struttura del regolamento sono stati illustrati in dettaglio in questo articolo qui.

Finora, la Commissione europea (CE) ha enfatizzato e dato priorità agli obiettivi climatici nella tassonomia, e per una buona ragione. Tuttavia, ciò ha comportato una limitata attenzione agli altri quattro obiettivi ambientali. Daremo un’occhiata alle implicazioni di questi obiettivi e sottolineeremo l’importanza e i vantaggi di affrontarli al più presto.

La Taxo4

Per essere considerata verde, un’attività deve contribuire in modo sostanziale a uno dei sei obiettivi ambientali e non contraddire (“Do No Significant Harm”) gli altri cinque.

Finora, solo i criteri di screening per i primi due obiettivi ambientali sono stati formalizzati il 4 giugno 2021 e attuati a partire dal 1° gennaio 2022. La rendicontazione è già in corso, in quanto le istituzioni finanziarie devono conformarsi ai criteri associati a partire dal 1° gennaio 2022 e le società non finanziarie per tutto il 2022.

Nell’agosto 2021, poi aggiornato il 30 marzo 2022, il Gruppo di lavoro tecnico ha pubblicato il rapporto che contiene i criteri tecnici di screening e i quattro obiettivi ambientali finali (la Taxo4), che si applicheranno a partire dal 1° gennaio 2023. L’attenzione iniziale della CE ( Commissione Europea)  per gli obiettivi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici si riscontra anche nella politica e negli obiettivi climatici urgenti dell’UE. Pertanto, le attività economiche che mitigano e si adattano ai cambiamenti climatici sono state considerate prioritarie nello sviluppo dei criteri di selezione per il regolamento sulla tassonomia.

Obiettivo 3: Acqua e mare

La salvaguardia di un uso sano e sostenibile delle risorse idriche e marine è fondamentale per la stabilizzazione del clima e delle condizioni meteorologiche, per il sostentamento umano e altro ancora.

Obiettivo 4: La transizione verso un’economia circolare

L’economia circolare è un sistema resiliente che ci fornisce gli strumenti per estendere il ciclo di vita dei prodotti. Uno dei principi di questo sistema è riciclare, riutilizzare, riparare, ristrutturare e condividere i materiali e i prodotti esistenti il più a lungo possibile. Si basa su tre principi: l’eliminazione dei rifiuti e dell’inquinamento, la circolazione di prodotti e materiali (al loro massimo valore) e la rigenerazione della natura, che porta alla riduzione delle emissioni di gas serra, dei rifiuti e dell’inquinamento.

Obiettivo 5: prevenzione dell’inquinamento

Si tratta di adottare misure urgenti per prevenire l’introduzione di sostanze o contaminazioni nell’aria, nell’acqua, nel suolo, negli organismi viventi e nelle risorse alimentari a livelli tali da provocare danni o cambiamenti negativi. Include il ripristino e la bonifica degli ecosistemi terrestri, del suolo, degli edifici, la gestione dei rifiuti, il disinquinamento e lo smantellamento dei prodotti a fine vita

Obiettivo 6: Protezione e ripristino della biodiversità e degli ecosistemi

La conservazione, il ripristino o la protezione dei servizi ecosistemici sono fondamentali per il benessere umano e animale.

Sovrapposizione degli obiettivi

Anche se ci sono sei obiettivi diversi, ci sarà una certa sovrapposizione tra di essi. La Piattaforma suggerisce che esiste un’articolazione tra gli obiettivi non climatici e il loro impatto reciproco. Per esempio, prendiamo gli obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici e di prevenzione e controllo dell’inquinamento: questi si sovrapporranno alle attività economiche che comportano la riduzione delle emissioni da combustione di combustibili fossili. Analoghe sovrapposizioni esistono tra gli obiettivi relativi agli ecosistemi e all’uso delle risorse idriche e marine. Per questo motivo, la transizione verso il net zero può essere considerata seriamente sostenibile solo se adotta un approccio olistico, che è l’obiettivo di più ampia portata della tassonomia.

Focus sul settore immobiliare

Per quanto riguarda il settore immobiliare e degli edifici, il regolamento prende in considerazione diverse attività, tra cui la costruzione, la ristrutturazione, l’acquisizione e la gestione di edifici. Per queste attività sono stati elaborati criteri specifici relativi all’allineamento alla tassonomia e agli obiettivi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Nel settore degli edifici, l’obiettivo è quello di applicare criteri di tassonomia (“soglie”) chiaramente definiti alle nuove costruzioni, alle misure di ristrutturazione, all’acquisizione e alla proprietà degli edifici. Sarà particolarmente importante anche per il mercato immobiliare commerciale, grazie alla possibilità di classificare l’edificio come un portafoglio di asset con copertura di obbligazioni verdi. Inoltre, la tassonomia serve a ottimizzare il contributo del settore immobiliare e degli edifici all’obiettivo climatico europeo. Questo obiettivo può essere raggiunto sia trasformando e riqualificando gli edifici esistenti, sia costruendo nuovi beni con uno standard di carbonio net zero. Uno degli ostacoli da superare è quello di minare il ciclo continuo di demolizione e costruzione. Le emissioni degli immobili sono una combinazione di due elementi. La prima è la gestione quotidiana di un edificio: l’energia utilizzata per illuminare, riscaldare o raffreddare case, uffici e centri commerciali. L’altro tipo è il carbonio “insito”, che si riferisce alle emissioni legate al processo di costruzione, alla manutenzione e a qualsiasi tipo di demolizione. Inoltre, le società del real estate dovranno raggiungere obiettivi ambiziosi per quanto riguarda il consumo di acqua e l’inquinamento.

Secondo il rapporto della Platform on Sustainable Finance, l’obiettivo principale è che i nuovi edifici e le ristrutturazioni contribuiscano all’economia circolare. Per questo motivo gli operatori del settore immobiliare dovrebbero occuparsi principalmente degli obiettivi 1 (mitigazione dei cambiamenti climatici) e 2 (adattamento ai cambiamenti climatici) e dell’obiettivo 4 (economia circolare). 

I primi criteri elaborati dal gruppo di lavoro (che dovranno essere adottati formalmente) comprendono:

Per la costruzione di nuovi edifici e la ristrutturazione di quelli esistenti:

  • 90% dei rifiuti di costruzione e demolizione riutilizzati o riciclati;
  • 50% di materiali riutilizzati, riciclati o rinnovabili 
  • Valutazione obbligatoria del ciclo di vita dell’impatto ambientale dell’intero edificio (costruzione) o dei lavori di ristrutturazione (restauro);
  • Progetti e tecniche di costruzione che supportino la circolarità.

Per la ristrutturazione di edifici esistenti:

  • Il 50% dell’edificio originale viene mantenuto

Vedi anche: Ridurre le missioni di gas serra: le strade per la decarbonizzazione

Il ruolo di Deepki è quello di aiutarvi a rendere noti i vostri investimenti verdi

A causa delle varie sovrapposizioni previste come le interrelazioni tra i sei diversi obiettivi, Deepki consiglia di ottenere una panoramica degli obiettivi rilevanti per il proprio business.In questo modo si eviteranno inutili lavori supplementari e si creerà un processo di allineamento più efficiente, oltre a fornire insight sui temi che sono coperti da più obiettivi contemporaneamente. Per raggiungere gli obiettivi di investimento verde è fondamentale disporre di dati comparabili e affidabili. Questo può essere fatto attraverso la nostra piattaforma centralizzata, Deepki Ready, che è in grado di raccogliere, aggregare e sfruttare i vostri dati il più rapidamente possibile per aumentarne l’efficienza e utilizza queste informazioni per scegliere quali obiettivi sono più applicabili sulla base del vostro portafoglio.

Il regolamento esteso al gas naturale e all’energia nucleare

Il 6 luglio 2022, in una votazione plenaria, il Parlamento europeo (PE) non ha respinto la proposta della CE di includere il gas fossile e l’energia nucleare nella tassonomia. La cosiddetta Taxonomy Complimentary Climate Delegated Act (CDA) stabilisce che l’energia nucleare e il gas fossile possono essere etichettati come investimenti verdi e dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2023.  Nonostante le preoccupazioni sollevate dai gruppi ambientalisti, i politici sostengono che queste fonti energetiche hanno un ruolo da svolgere nella transizione e negli obiettivi climatici e ambientali dell’UE e possono ancora necessitare di investimenti ora. 

La tassonomia è stata utilizzata per costituire la base dello standard UE per i green bond e sarà probabilmente utilizzata come guida in senso più ampio. Nell’intraprendere questo viaggio nella tassonomia, l’attenzione non può essere rivolta solo alle imprese.

Poiché la crescita demografica e l’aumento della domanda di abitazioni fanno sì che le dimensioni dell’ambiente costruito si espandano a un ritmo più rapido rispetto agli sforzi per combattere i problemi climatici e catalizzare le emissioni di CO₂, l’intero settore immobiliare e delle costruzioni dovrebbe essere coinvolto in questo processo, incoraggiando la  trasparenza aziendale.