Rendicontazione delle emissioni GHG: dai principi chiave all’evoluzione normativa

Salma Kouay
Date02 Agosto 2022

1.049 città, 67 regioni, 5.235 imprese e 441 tra i maggiori investitori in 120 Paesi si sono impegnati a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050, coprendo quasi il 25% delle emissioni globali di CO2 e oltre il 50% del PIL mondiale.

La CO2, comunemente noto come gas a effetto serra, è il benchmark monitorato da molti stakeholder. La definizione delle emissioni totali di gas a effetto serra (GHG) causate da un determinato sistema, attività, azienda, Paese o regione è nota come Carbon footprint ( impronta di carbinio)

Esistono molti altri gas che compongono i gas serra, spesso trascurati, tra cui il vapore acqueo (H2O), il metano (CH4), il protossido di azoto (N2O) o l’ozono (O3) che assorbono ed emettono energia radiante, dando luogo all’effetto serra.

L’impronta di carbonio è generalmente misurata in anidride carbonica equivalente (CO2e), un’unità comune per i gas serra, che si ottiene moltiplicando la quantità di gas serra per il suo potenziale di riscaldamento globale.

Sebbene un’unità comune permetta di paragonare le organizzazioni tra di loro, le emissioni di carbonio non possono essere confrontate in modo equo se le loro dimensioni differiscono. Può quindi essere utile trasformare le emissioni di carbonio in metriche normalizzate, chiamate intensità di carbonio.

Di quali emissioni parliamo?

È possibile accedere facilmente alle informazioni sulle emissioni di carbonio di un numero crescente di aziende. Tuttavia, i gas serra sono un indicatore grezzo soggetto a incertezza a livello aziendale. Per fornire una base di monitoraggio comune che possa essere utilizzata da Stati e aziende e per limitare il gap di misurazione, il Greenhouse Gas Protocol (GHGP) classifica le emissioni di gas serra di un’azienda in tre ambiti: 

  • Scope 1: si riferisce alle emissioni dirette di gas serra prodotte da fonti di proprietà o controllate dall’azienda.
  • Scope 2: comprende le emissioni indirette di gas serra derivanti dal consumo di elettricità, calore o vapore acquistati. Le emissioni dello scope  2 possono essere calcolate utilizzando il mix energetico del Paese (basato sulla posizione) o il mix energetico dell’azienda fornitrice di energia elettrica (basato sul mercato).
  • Scope 3: è costituito da altre emissioni indirette, come l’estrazione e la produzione di materiali e combustibili acquistati, le attività legate al trasporto in veicoli non di proprietà o non controllati dell’entità che redige il bilancio e le attività legate all’elettricità che non rientrano nel scope 2.

Leggere anche: Scope 3: come queste emissioni difficili da affrontare potrebbero rappresentare un elemento di svolta

Per capire e cercare di limitare l’impatto di queste emissioni, le informazioni devono riguardare il loro volume e la loro localizzazione, nonché i loro fattori di emissione. Queste informazioni possono essere ottenute attraverso due fonti principali: 

  • Un inventario delle emissioni: la quantificazione del rilascio fisico di emissioni atmosferiche in un determinato momento all’interno di una specifica area geografica. 
  • La contabilizzazione delle emissioni: il collegamento di queste emissioni ai fattori e agli attori socioeconomici. Il concetto di contabilizzazione delle pressioni ambientali non si limita alle emissioni atmosferiche e si applica ad altri temi ambientali, come i rifiuti, i materiali, l’acqua e l’uso del suolo.

A livello globale sono disponibili diverse prospettive e metodologie di contabilizzazione delle emissioni. Questi metodi si differenziano principalmente per il loro status (standard, standard di riferimento privato, ecc.), il loro campo di applicazione (scope coperti) e il loro target (azienda, approccio settoriale, collettività o territorio).

Prospettive diverse

In relazione alla contabilizzazione del carbonio, esistono tre prospettive diverse ma complementari a livello europeo. Avere diversi punti di vista permette di comprendere meglio le interazioni tra i vari tipi di emittenti A tal fine, le emissioni di CO2 vengono raggruppate in tre gruppi principali:

  • Le emissioni territoriali sono rilasciate all’interno dei confini di un Paese e nelle aree sotto la sua giurisdizione. I metodi di monitoraggio e di calcolo più comuni per quantificare le emissioni atmosferiche sono il monitoraggio continuo delle emissioni (CEM) e il campionamento alla fonte. 
  • Le emissioni di produzione che derivano dalle attività economiche delle aziende e delle famiglie residenti in un Paese in relazione alla loro produzione.
  • Le emissioni di consumo coprono il consumo nazionale di beni e servizi all’interno di un Paese, indipendentemente dalla localizzazione geografica della produzione di tali beni e servizi. 

Il calcolo delle emissioni di produzione e delle emissioni di consumo si basa su un calcolo iniziale delle emissioni territoriali. In primo luogo, le emissioni territoriali vengono calcolate concentrandosi sulle fonti di emissione e utilizzando metodologie di inventario delle emissioni che spesso si basano su metodi standardizzati definiti dagli obblighi di rendicontazione previsti da trattati internazionali come l’UNFCCC e la CLRTAP. In secondo luogo, le emissioni di produzione sono calcolate utilizzando le emissioni territoriali in relazione alle attività economiche nazionali. Infine, le emissioni basate sul consumo sono calcolate utilizzando i dati sulle emissioni di produzione in relazione al consumo finale di beni e servizi forniti attraverso la produzione nazionale e il commercio internazionale.

Per un’analisi più dettagliata e precisa, le organizzazioni possono scegliere tra diverse metodologie per valutare il proprio inventario di emissioni. 

Come misurarli quantitativamente? 

Per l’inventario di carbonio sono disponibili tre metodologie. Il protocollo GHG è stato stabilito nel 1998 dal World Business Council for Sustainable Development (WBCSD) e dal World Resources Institutes (WRI) in collaborazione con aziende, ONG e rappresentanti dello Stato. 

Questo protocollo è servito come base per la norma ISO 14064-1:2006, istituita dal comitato tecnico ISO/TC207 “gestione ambientale”, che delinea i principi e le procedure per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas serra e la loro eliminazione per le organizzazioni. L’obiettivo di questo riferimento tecnico è assistere gli utenti nell’applicazione dello standard ISO 14064-1, fornendo linee guida ed esempi per facilitare la trasparenza nella quantificazione e nella riduzione delle emissioni di gas serra nelle aziende, nonché nella preparazione dei rapporti. Include anche un elenco delle categorie di emissioni che rientrano in ciascun ambito.

Infine, nel 2004, l’ADEME ha sviluppato il Bilan Carbone®, una metodologia per stimare le emissioni di gas serra delle organizzazioni. La tecnica del Bilan Carbone® tiene conto di tutti i gas serra definiti dall’IPCC in tutti i flussi fisici senza i quali l’organizzazione non può funzionare. Di conseguenza, questo metodo consente alle aziende e alle entità territoriali di effettuare una valutazione globale delle emissioni di gas serra, sia dirette che indirette.

Alcuni principi da tenere a mente

Cinque principi che possono aiutarvi a inquadrare meglio la vostra contabilizzazione dei gas serra:

Pertinenza: garantire che la valutazione dei gas serra rifletta in modo appropriato gli effetti dell’azione sui gas serra e risponda alle esigenze decisionali degli utenti e degli stakeholder, compresa la selezione del livello di accuratezza e completezza desiderato tra una serie di opzioni metodologiche. All’interno della piattaforma Deepki Ready, le emissioni di gas serra sono calcolate utilizzando fattori di emissione nazionali o locali (la cosiddetta contabilizzazione “location-based”) in conformità con il Protocollo GHG. All’interno della piattaforma sono disponibili diversi database di fattori di emissione, tra cui la base di riferimento nazionale di ciascun Paese, l’AIE, il CREEM e altri. 

Completezza: includere tutti gli effetti, le fonti di gas serra significativi nel perimetro di valutazione dei gas serra. Indicare e giustificare eventuali esclusioni specifiche. Deepki Ready può calcolare le emissioni di gas serra dall’EF dei fornitori di energia (approccio basato sul mercato). A ogni kWh di energia elettrica sarà assegnato l’EF appropriato del fornitore di energia elettrica e la quota di energia rinnovabile sarà presa in considerazione nei calcoli delle emissioni di CO2eq.

Coerenza: utilizzare approcci contabili, metodi di raccolta dati e metodi di calcolo coerenti per consentire un monitoraggio significativo delle prestazioni nel tempo.

Trasparenza: fornire informazioni chiare e complete per consentire ai revisori interni ed esterni di valutare la credibilità e l’affidabilità dei risultati. Le informazioni devono essere sufficienti per consentire a un soggetto esterno al processo di valutazione dei gas serra di ottenere gli stessi risultati se gli vengono forniti gli stessi dati di partenza. 

Accuratezza: verificare che  la variazione stimata delle emissioni di gas serra e le relative riduzioni non sia sistematicamente né superiore né inferiore ai valori reali e che le incertezze siano ridotte il più possibile.

Un approccio in evoluzione

Le normative europee (tassonomia UE, SFDR…) e le iniziative internazionali (CRREM, GRESB, SBTi) sono sempre più severe e promuovono l’uso della contabilità della CO2. Una strategia di Carbonio seria e completa non è più un’opportunità, ma semplicemente una mitigazione del rischio.  Gli operatori del settore immobiliare stanno orientando la loro strategia ESG utilizzando la CO2 come indicatore principale, si stanno interessando all’ottimizzazione della contabilità del carbonio e richiedono un’analisi comparativa delle metodologie di contabilità. La definizione di una strategia di carbonio efficiente richiede tempo e risorse e un impegno totale, a tutti i livelli, per garantire un impatto reale ed efficace.